Morfeo


Per Esiodo, i sogni, erano figli della Notte. L'idea di una divinità specifica dei sogni chiamata Morfeo è più tarda e viene generalmente attribuita ad Ovidio, che nelle sue Metamorfosi diede un nome ai tre figli di Ipno, il sonno: Morfeo, Phobetor (Fobetore) e Phantasos(Fantaso). Per altri era figlio dell'Erebo e della Notte come Tànato e Ipno. Nell'Iliade e nell'Odissea, infatti, troviamo invece un'altra divinità, Oniro, che riassume in sé la caratteristiche di tutte le altre. Morfeo, nelle sue apparizioni notturne, prendeva le forme delle persone o delle cose sognate. Egli quando inviava sogni popolati da forme umane portava sempre con sé un mazzo di papaveri con cui, sfiorando le palpebre dei dormienti, donava loro realistiche illusioni. Gli altri due quelli con animali (Fobetore) e paesaggi, case, oggetti inanimati (Fantaso). Spesso era rappresentato nell'atto di abbracciare il padre, Sonno, circondati dagli spiriti dell'immaginazione.
Morfeo era raffigurato con grandi ali che battevano senza far rumore. Il suo messaggero era il veloce ed alato Hermes, tramite tra il suo Signore e i viandanti.

1 commento:

Sabrina ha detto...

ciao! scusami se te lo chiedo ma... sai per caso chi ha dipinto l'immagine che hai riportato come Morfeo?
se lo sai, per piacere, dimmelo! è da un sacco che cerco di scoprirlo! ti ringrazio molto!
contattami pure a:
na_sabri@aliceposta.it

Ti ringrazio e complimenti per il sito!